Introduzione

Wine Design.

In passato le aziende vestivano i propri vini in modo piuttosto convenzionale, attraverso i quali venivano enfatizzati la vigna o la sede della cantina, elementi araldici - se di famiglia aristocratica - spesso inventati;si faceva largo uso di allegorie vegetali miste a premi e medaglie. Da qui la diffusione di immagini aziendali e di prodotto sostanzialmente imitative. Questo tipo di atteggiamento appartiene a quella che viene definita come ‘tradizione’; caratterizzata, per quasi tre secoli, da codici formali piuttosto rigidi e ripetitivi, con il risultato di una sostanziale e diffusa ‘uniformità’.

La tendenza opposta, verificatasi nei decenni più vicini a noi e animata sia dal desiderio di distinguersi in un mercato sempre più affollato, che da quello di assecondare il consumatore ‘ad ogni costo’, ha portato molti produttori a commercializzare bottiglie vestite in modi così diversi fra loro, da rendere quasi impossibile la riconducibilità dei diversi vini allo stesso produttore, rinunciando a un’obbiettivo molto importante: quello di un’identità aziendale unitaria, riconoscibile e memorizzabile.

Quando Mariuccia Borio decise di occuparsi in prima persona dell’azienda Cascina Castlét (fine anni ’70), applicò criteri innovativi ad ogni aspetto dell’azienda e della sua gestione, che portarono alla sua completa trasformazione: dalla cura dei vigneti alla produzione dei vini, dalla commercializzazione alla comunicazione.

Quest’ultima si è sviluppata in rapporto ad una scelta molto incisiva e moderna: ad ogni vino dell’azienda è stata attribuita una vestizione dedicata, non ripetitiva e molto distintiva, al fine di rendere inconfondibile e riconoscibile l’identità di ciascun prodotto sin dal primo impatto, ma capace di assicurare un forte senso di appartenenza (family feeling) e riconducibilità alla brand.
Ciascun progetto esprime un proprio racconto pensato per innescare un dialogo con l’osservatore e l’appassionato attento, che non vede più nel vino un semplice alimento, ma un tramite di cultura e di emozioni.

Il primo passo nella creazione dell’identità visuale di Cascina Castlèt fu proprio il disegno della brand aziendale.

Giacomo Bersanetti

Cascina Castlet.

La brand di Cascina Castlet è il risultato dell'unione delle iniziali del nome e di quella del paese (Costigliole) nella quale l'azienda ha sede; l'appartenenza all'ambito vinicolo, così come la caratteristica di utilizzare solo uve di proprietà vengono trasmessi attraverso il coinvolgimento delle tre iniziali nella stilizzazione di un viticcio.
Valori come autenticità e semplicità, artigianalità e passione si concentrano in un segno che risulta attuale e comunicativo anche a distanza di molti anni dalla sua progettazione.